Pranzo d' autunno

Il pranzone d'autunno si svolgerà  domenica  25 novembre sempre presso l'Antica Osteria B...

Gran finale in oltrepò

Sabato 27 ottobre gran finale ciclogastronomico  in oltrepò. Ci troviamo  alle 8,00 presso...

Milano Sanremo A/R 2018

Ai partecipanti della  Milano - Sanremo A/R  terza edizione,  in programma il  7...

Giro del Garda

Si svolgera sabato 24 marzo il primo appuntamento societario della stagione, un lungo  a buon r...

Calendario classicissime

Sarà riproposto nel 2018, con qualche variante, il programma di "classiche" approntato con...

Tesseramento

Ricordiamo ai soci che la quota associativa di rinnovo  dovrà essere versata al segretario Mag...

  • Pranzo d' autunno

    Friday, 19 October 2018
  • Gran finale in oltrepò

    Wednesday, 03 October 2018
  • Milano Sanremo A/R 2018

    Tuesday, 03 April 2018
  • Giro del Garda

    Saturday, 17 March 2018
  • Calendario classicissime

    Monday, 11 December 2017
  • Tesseramento

    Monday, 20 November 2017
Gli anni ruggeni di A. Strada PDF Print E-mail
Written by Administrator   
Sunday, 07 May 2006 12:26

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gli anni ruggenti di Alfonsina Strada  P. Facchinetti – Ediciclo Editore 2004

La storia straordinaria e un po misconosciuta di Alfonsina Morini da Castelfranco Emilia, maritata Strada, incredibile donna protagonista di mirabolanti imprese. 

Nove tra fratelli e sorelle, una famiglia poverissima che tira a campare in un paesino della campagna emiliana. E lei, Alfonsina, la ragazzina ribelle che non si rassegna a un miserabile destino, che sfida i benpensanti e sale in bicicletta sognando di diventare Gerbi, Ganna, Petit Breton. Diventerà “Alfonsina Strada”, la regina della pedivella, l’indistruttibile pistarde, il diavolo in gonnella 

Tra la fine del 1800 e gli inizi del 1900, quando le convenzioni sociali vogliono la donna moglie, madre e casalinga, ha la spudoratezza di montare una bici da uomo e andarsene in giro a sfidare tutti, cominciando un’avventura di pioniera dello sport e di paladina dei diritti delle donne. Corre a Bologna, Torino, Milano, Parigi. A Pietroburgo riceve gli applausi dello Zar Nicola, al Parco dei Principi stabilisce il record dell’ora femminile. Corre due Giri di Lombardia, assieme a Girardengo e Pélisier; unica donna a partecipare e concludere un Giro d’Italia (quello del 1924) assieme agli uomini, tagliando il traguardo di una tappa addirittura con un manico di scopa al posto del manubrio.

Sfrutta l'enorme poplarità inventandosi stella del circo e del varietà, si esibisce con la bici sui rulli o con la moto sulla ruota della morte. Quando si ritira dall’attività, apre un negozio di riparazione di biciclette a Milano, frequentato anche da Coppi e Cavanna. Il cuore le cede nel 1959, a 68 anni, mentre tenta di riavviare la sua Guzzi 500.

Last Updated on Sunday, 24 March 2013 17:51