Pranzo d' autunno

Il pranzone d'autunno si svolgerà  domenica  25 novembre sempre presso l'Antica Osteria B...

Gran finale in oltrepò

Sabato 27 ottobre gran finale ciclogastronomico  in oltrepò. Ci troviamo  alle 8,00 presso...

Milano Sanremo A/R 2018

Ai partecipanti della  Milano - Sanremo A/R  terza edizione,  in programma il  7...

Giro del Garda

Si svolgera sabato 24 marzo il primo appuntamento societario della stagione, un lungo  a buon r...

Calendario classicissime

Sarà riproposto nel 2018, con qualche variante, il programma di "classiche" approntato con...

Tesseramento

Ricordiamo ai soci che la quota associativa di rinnovo  dovrà essere versata al segretario Mag...

  • Pranzo d' autunno

    Friday, 19 October 2018
  • Gran finale in oltrepò

    Wednesday, 03 October 2018
  • Milano Sanremo A/R 2018

    Tuesday, 03 April 2018
  • Giro del Garda

    Saturday, 17 March 2018
  • Calendario classicissime

    Monday, 11 December 2017
  • Tesseramento

    Monday, 20 November 2017
Piccolo manuale di ciclosofia PDF Print E-mail
Written by Administrator   
Sunday, 07 May 2006 12:26

    

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Piccolo trattato di ciclosofia – Il mondo visto dal sellino D. Tronchet – Pratiche Editrice 2000

Il ciclista non fa code, non ha problemi di parcheggio. Procede spavaldo, impettito, e il suo agile veicolo gli trasmette una tranquilla solennità. Beffardamente sorpassa l’automobilista imbottigliato nel traffico, rattrappito tra schienale e sedile in una regressiva posizione fetale. Il ciclista è anche un inventore. Tra una pedalata e l’altra, con i capelli scompigliati dal vento, costruisce e impone la propria dimensione del vivere nella confusione della città: il mondo, visto dal sellino, appare diverso. Nell’illustrare i vantaggi della bici, Didier Tronchet non si limita a considerazioni di natura logistica. Bicicletta diventa sinonimo di benessere fisico e spirituale, libertà di movimento e di pensiero, fantasia. Il ciclista può convivere in armonia con il pedone, se questo non è distratto quando attraversa, ma si oppone irrimediabilmente all’automobilista, allo strombazzamento dei clacson e all’inquinamento dei motori,  nel tentativo di costruire una città più umana e accogliente. Attraverso aneddoti gustosi, riflessioni divertenti e caustiche, resoconti di esperienze personali, l’autore ci illumina sul senso profondo della ciclosofia: un movimento interiore, un’evoluzione mentale che modifica (allargandoli) i limiti dello spazio e del tempo, una prospettiva più vasta sulla vita di tutti i giorni. Per migliorarla.

Last Updated on Sunday, 24 March 2013 17:56