Lunga vita !

In occasione del ..esimo compleanno del nostro Presidente serata degustazione giovedi prossimo 23 n...

Pranzone d'autunno

Il tradizionale pranzone d'autunno si svolgerà  domenica  12 novembre presso l'Antica Ost...

Finale in oltrepo'

Sabato 21 ottobre gran finale ciclogastronomico  in oltrepò. Ritrovo alle 8,00 ad Albaredo Arna...

Il punto di Baraga

Va in archivio la stagione 2017. Emiliano Confalonieri suggella il suo Prestigio con la Gf Campagnol...

Ottobre ricco

Il giovedì sera in Demus dopo la seconda birra  a volte si partoriscono anche  proposte in...

Il punto di Baraga

Ormai giunti alla fine della stagione, con una parte della squadra più impegnata a celebrare la fine...

  • Lunga vita !

    Friday, 17 November 2017
  • Pranzone d'autunno

    Friday, 03 November 2017
  • Finale in oltrepo'

    Friday, 13 October 2017
  • Il punto di Baraga

    Friday, 13 October 2017
  • Ottobre ricco

    Friday, 29 September 2017
  • Il punto di Baraga

    Friday, 29 September 2017
Muri dell'oltrepò PDF Print E-mail
Written by Administrator   
Tuesday, 06 May 2008 14:14

Maggio  2008. In una bella giornata di sole si corre la prima edizione, forse seconda, dei Muri dell'Oltrepò,  oggi  promossa a rango di classicissima. Ideatore  tracciatore del percorso il vulcanico e (ciclisticamente)  perverso Fulvio Gambaro, noto ai più come "Il Fachiro". La Drop mostra il suo lato randagio partecipando in massa, al seguito dei veterani Manola Pasini e Roberto Maggioni.

 

Torricelle Vergiate,  protagoniste di oggi le salite. A fine giornata l'altimetro registrerà 4000 metri di dislivello,  dieci scalate aspre, alcune  delle quali veri e propri muri. 

Nel piazzale occhi  puntati sulle gambe di Carletto, due querce pelose che sembrano ai più il prodotto di anni di culturismo. Valutati i fatti, concesse le attenuanti, seduta stante viene lanciato un ultimatum di due mesi al campione di Fulvio Testi per tornare competitivo e nella forma migliore.

Il gruppo procede silenzioso tra le prime colline dell'oltrepò quando è scosso da un brivido.  Sullo sfondo la presenza minacciosa del muro di Fortunago. L'inclinometro segna 23. Qualcuno sale a piedi. Per la cronaca, non ha la maglia Drop.  

Dopo vari su e giù e qualche sosta bar si affronta la salita di  Guardamonte,   per "scollinare" in val Curone. Maggioni è uno schiacciasassi. In preda a un furore agonistico disumano attacca e "massacra" (parole sue) Sandrone su ogni salita.  Mantenendo al contempo la lucidità per sciorinare numeri e statistiche in tempo reale.  Come il calcolo delle percentuali di percorso già compiuti in undicesimi, correlato alle percentuali altimetriche e  alle diverse  variabili in gioco. Ma chi l'ha inventato il Maggioni!

Lele Dinoia, unico possessore di un inclinometro, viene assalito dopo ogni salita con le domande più bizzarre sulle pendenze istantanee. Trai  più attivi,  manco a dirlo, Maggioni.

Intorno al chilometro 130 Carletto e Riccardo gettano la spugna. Ne hanno abbastanza; tagliano verso Torricelle nonostante l'incitamento convinto dei compagni che li vedono andare. Alcuni di loro con una punta di invidia.   

Si affronta una nuova salita.  Il Mago nel tratto più duro vede nero. Un annebbiamento di pochi secondi che lo proietta in un'altra dimensione, probabilmente extra-sensoriale. Il dibattito che segue mostra il gruppo sconcertato e diviso in due tronconi. C'è chi sostiene la teoria razionalista del calo di pressione, dovuto a una commistione di fatica e calore. E chi  insiste piuttosto nel leggere in questo cedimento una vera crisi mistica. Paladino di questa tesi Massimo Gerosa, nome di battaglia Cavallo Pazzo!

Divisi sulle cause,  concordi sulla soluzione! Quella  testa calda di Sandrone va messa senza indugio sotto una fonte d'acqua gelata! Cosi facendo,  assistemmo  in diretta alla resurrazione dell'atleta.

Il bilancio finale sarà di undici ore di TDB (per i distratti trattasi dell'unità di misura ideata da Robi Maggioni .. il famoso ormai Tempo di Bicicletta). L'epilogo segue  il consueto copione, un paio di birrette,  chiacchere, risate  e  diffusa soddisfazione.   

 

Last Updated on Friday, 21 March 2014 22:08